Ultime Notizie

TURISMO

Locali tipici e cucina swahili: il food tourism in Kenya

Turisti attratti dall'esperienza della gastronomia locale

07-12-2020 di redazione

Negli ultimi anni il turismo gastronomico è cresciuto in maniera considerevole in tutto il mondo.
Lo si deve alla popolarità di certe trasmissioni  e anche alla diffusione mediatica di piatti e relativi ristoranti specie nell’ambito dei social network.
Così anche in Kenya i turisti stanno scoprendo il "food tourism" che si traduce con un maggiore interesse per la cucina locale, particolarmente quella swahili della costa che per cultura e commistioni ha molti sapori, ricette e sorprese da proporre.
L'avvento del turismo gastronomico in Kenya non si concentra solo sui visitatori internazionali, ma anche su quelli nazionali, che sono turisti culinari a pieno titolo in virtù del fatto che si dedicano alla ricerca di gusti e sapori inediti.
Lo “street food” si è evoluto e anche se si tratta di piatti da consumare al volo, è piacevole vedere i banchetti ai lati delle strade come succede ormai a Watamu la sera lungo la via del centro e nuovi ristorantini locali che aprono. 
Il caso più eclatante a Malindi è senza dubbio il Seafront, ristorantino swahili nella zona del Baobab aperto a pranzo e cena e pieno più o meno a tutte le ore. Con la tecnica del fast food, il Seafront (gestito da musulmani quindi rigorosamente senza alcolici) offre piatti che non solo sono gustosi ma offrono una panoramica della cucina della costa del Kenya: gamberetti al cocco con riso saltato, polpo in umido, pesce alla swahili e gli immancabili chapati, samosa e riso pilau.
Altro motivo del successo, la spesa media in locali come questo: difficilmente si esce a pancia piena avendo speso più di 4 euro. Come bevanda, da assaggiare il succo di tamarindo e a fine pasto il “black spiced tea”, un té con aggiunta di spezie profumatissime.
E’ rilevante il fatto che, soprattutto in questo periodo di turismo quasi esclusivamente locale, molti ristoranti internazionali abbiano deciso di inserire nei loro menu anche piatti tipici del Kenya. O che i loro cuochi sperimentino cucina fusion, abbinando suggestioni d’oriente a cibi africani e trattando la materia prima dell’oceano indiano con marinature o accostamenti del tutto europei. 
Il crescente interesse per luoghi di piacere come il Crab Shack di Dabaso a Watamu, gestito da allevatori di granchi dove si possono gustare le uniche samosa con la loro freschissima polpa, o il più rustico “prawn lake” dove invece le samosa vengono farcite con i gamberi, è significativo. Il Swahili Café di Timboni è stato inserito nella guida allo Street Food in Kenya da un noto influencer locale.
Sono quindi i turisti che provongono da Nairobi e qualche raro avventuriero europeo a scoprire questi angoli dove abbinare l’esperienza gastronomica alla bellezza di luoghi meno contaminati possibili.
Alcuni, specie quelli non di primo pelo e di stomaco delicato, si spingono anche più in là, nei chioschi e nelle taverne locali dove è il piatto nazionale, la “Nyama choma” (non è altro che carne di bovino adulto quasi abbrustolita alla griglia) e il pollo la fanno da padroni, ma certe verdure saltate come il cavolo stufato (tradizione mijikenda), la mchicha e la sukumawiki la fanno da padroni.
Qui, a differenza delle trattorie filo islamiche, si trova anche la birra che è sempre un bel connubio con certi cibi. Inutile dire che la “Tusker baridi sana” (la birra locale molto fredda) è un piacere, un sollievo e un accompagnamento ideale. La si può anche gustare in abbinamento allo street food che si incontra ad ogni angolo, specie a Mombasa, Malindi e Lamu: “viazi karai” (le patate impastellate con limone e pilipili), bajia (frittelline di verdure), cassava fritta (buonissima), focaccette al sesamo ed altre leccornie.
Per tutti gli altri, oltre che mastercard, c’è la buona, classica cucina internazionale di “pizzaland” e dintorni.

TAGS: street food kenyacibo kenyaristoranti tipici watamuturismo gastronomico

Le patate impastellate con aroma di limone e anima di peperoncino sono una delle delizie dello street food della costa keniana.
Si chiamano "Viazi Karai" e vengono vendute ad ogni angolo di strada, fritte al volo negli wok sistemati in...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Ci sono diversi modi di viaggiare sulla costa del Kenya: c’è la vacanza “tutto compreso” in un villaggio turistico o ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya, grazie alle relazioni commerciali del passato con arabi, indiani e persiani, è un miscuglio di culture e tradizioni, di storie e cibo.
Tra i piú comuni spuntini da street food...

LEGGI TUTTO

Ben conosciamo la storia e i travagli del continente africano: pochi ceppi e migliaia di tribù sparse su una superficie di circa 30 milioni di chilometri quadrati, che hanno pagato un amaro dazio all’evoluzione del mondo occidentale, subendo eguale trattamento...

LEGGI TUTTO

Il sito internet e il progetto parlano chiaro: sorgerà a Watamu il più alto grattacielo del Kenya, a forma di tronco di palma.
Si chiamerà "Palmexotjca", sorgerà sulla...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una ricerca condotta dalla BMI Pubblication, agenzia che si occupa di svariate testate, magazine e siti online di viaggi e turismo, ha condotto una ricerca sul nuovo marketing per la costa keniota e ne ha condiviso recentemente a Diani i...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nei mercati e ai bordi di tante strade del Kenya potete vedere le venditrici di questo tubero (già, in genere sono donne, il vero motore produttivo e commerciale di questo Continente).

LEGGI L'ARTICOLO

Quanto può costare veramente vivere a Malindi e Watamu senza lavorare?
Con quanto un pensionato o chi ha una rendita può campare assaporando il dolce far niente?
Considerato il ritorno prepotente della voglia di "cambiare vita" e la...

LEGGI TUTTO

I corvi aumentano a dismisura sulla costa e i residenti tornano ad organizzarsi, come già accaduto una ventina d’anni fa, per ristabilire il giusto equilibrio biologico controllandone la riproduzione.
La cornacchia indiana, conosciuta come Indian House Crow, ama...

LEGGI TUTTO

La vendita di Watamu per la prossima stagione e in generale come luogo di villeggiatura, seconda casa e anche possibile paradiso dove cominciare una nuova vita, si trasferisce in Italia. Nel Vecchio Continente riprendono le trattative per l'acquisto di case,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ministro del Turismo della Contea di Kilifi Nahida Mohamed ha annunciato di voler costruire un mercatino turistico, ovvero un "curio market" a Watamu.
Nella recente finanziaria...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dalle cucine dei migliori ristoranti del mondo e dalla Rai a preparare ghiottonerie per i bambini di Watamu.
Il "cuoco contadino" Pietro Parisi, volto di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Per migliorare la proposta turistica della costa keniana non bisogna solo pensare ai servizi degli hotel e dei ristoranti, alla tutela dell’ambiente e alla sicurezza, ma anche cercare di internazionalizzare e rendere più credibile questi paradisi che, anche se qualcuno...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da oggi per tre giorni Watamu si promuove nel centro di Nairobi.
Un'iniziativa importante per mostrare le bellezze della località turistica costiera al turismo "domestico" della Capitale, che ha dimostrato da due anni a questa parte grande interesse per la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Più Watamu viene conosciuta a livello internazionale e promossa a livello locale, più ci si rende conto che la "perla dell'Oceano Indiano", come ormai viene chiamata, è una località unica, appartata e sicura che poco ha a che vedere con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche Watamukenya.net si è rifatto il trucco.
E non solo!
Il portale di Watamu ora diventa dinamico, si potrà leggere più facilmente su ogni supporto mobile, avrà le notizie linkabili singolarmente e darà più spazio alla promozione turistica.
Recentemente il...

LEGGI TUTTO